Browsing category

Redazionale

Redazionale,

Villa Rubra, una location d’atmosfera a portata di mano

Villa Rubra nasce dal desiderio di creare una residenza in collina, poco distante dalla città, che unisse i comfort di una struttura contemporanea con il fascino degli antichi casali.

Una location perfettamente inserita nel territorio, con elementi che fondono l’eleganza dei casali toscani con lo charm delle ville sarde.

È proprio da queste architetture che hanno tratto  ispirazione per la progettazione della villa.

Ad offrirci la suggestione di un borgo toscano troviamo la corte. Mentre la scelta dei colori, dei materiali e delle piante ornamentali ci regala il fascino della costa smeralda, connubio sapientemente realizzato che rende la villa esclusiva e regala al visitatore un’atmosfera unica.

Immaginata come residenza privata, Villa Rubra è caratterizzata dall’attenzione nei dettagli, tanto all’interno, negli ampi saloni arredati con gusto e ricercatezza, quanto all’esterno, nei terrazzi e nei giardini che circondano la struttura su più livelli. Questo aspetto fa sì che la villa risulti adatta ad accogliere eventi sia all’interno che all’esterno, garantendone l’ottima riuscita.

Studiata nei minimi particolari e con la massima cura, la villa viene edificata nei primi anni ’90, su una proprietà di famiglia dove sorgeva un antico casale. Nel luglio del 2002 Villa Rubra cambia veste tramutandosi in location per eventi, conservando comunque la sua natura intima e accogliente.

Un giardino con viali e camminamenti circonda la struttura, facendo da cornice a scorci suggestivi che sorprendono il visitatore.

Immersa nel parco alla fine di un sentiero, disegnato da roseti e piante aromatiche sapientemente disposte, troviamo la piscina, ideale per ospitare party e ricevimenti all’aperto.

All’interno, la villa dispone di varie sale, con diverse capienze che si adattano a qualsiasi esigenza.

Al piano terra ad accoglierci la taverna calda ed arredata con gusto, ideale per feste di compleanno o per momenti particolari come aperitivi, degustazioni, cene…

Al primo piano circondati da terrazzi e giardini affacciati sulla corte, ci sono i saloni ampi ed eleganti che con il gazebo recentemente realizzato offrono una capienza complessiva di 230 posti a sedere.

Cuore della villa, posta all’ingresso dei saloni, troviamo la corte, luogo intimo e conviviale, da cui si ammira la veduta dell’intera valle, panorama suggestivo, che nelle notti d’estate con il chiaro di luna regala atmosfere incantate.

L’ottima capienza interna, la cura negli arredi e gli ampi spazi esterni fanno della villa una location completa e utilizzabile in ogni stagione, d’inverno all’interno ci accolgono la suggestione ed il calore dei camini accesi, d’estate la frescura e la bellezza del parco.

A rendere familiare ed accogliente Villa Rubra è la dedizione e l’amore di Monica, perfetta padrona di casa che dal 2013 si prende cura della struttura e dei suoi ospiti. È lei che ci accoglie e ci racconta i segreti, la storia della villa, facendocene innamorare.

La struttura viene noleggiata rigorosamente in esclusiva, e senza limiti di orario. I catering di riferimento sono selezionati tra i migliori in Campania, ma non essendoci un’esclusiva è possibile indicare la propria preferenza.

Villa rubra si trova alle pendici di Montevergine, in una zona collinare, immersa nel verde, è facilmente raggiungibile da Napoli, Salerno e Benevento.

Festeggiare a Villa Rubra significa godere di un ambiente familiare dove si diventa per un giorno padroni di casa. Una splendida location per i “tuoi” eventi.

 

Redazionale,

Storia di una “Wedding”

Elisabetta Picardi, wedding planner, pittrice, creativa dalla lunga esperienza.
La sua passione per l’organizzazione di eventi nasce da ragazza quando in occasione degli eventi di famiglia, scopre la sua passione e decide di approfondirla fino a farne un vero lavoro. Da allora sono trascorsi 20 anni e quell’adolescente attenta ai particolari e con grandi capacità organizzative, è diventata una professionista ricercata ed affermato. Si forma in ambito organizzativo per poi approdare alla cerimonia, conservando quel senso d’arte che caratterizza i suoi lavori.
La redazione di Sposarsi l’ha incontrata e ve la presenta in questa intervista.
Com’è nata la tua passione per questo mestiere?
Sono sempre stata un’artista, amo dipingere, e l’insita eleganza, che io chiamo dell’anima,mi ha sempre dato la capacità di vedere potenzialità espressive ovunque, a questo va aggiunto un
percorso di studi, dove ho imparato a far quadrare i bilanci, un master in Visual Merchandising.
Sin da piccola a ciascun evento a cui partecipavo, notavo il più piccolo particolare dell’organizzazione, ma più di tutto cio che mi attirava era la luce che emavanavo gli occhi degli sposi.
Con questi presupposti il gioco è fatto. Dopo aver conseguito un master in Organizzazione di Eventi, è iniziata la mia avventura.
Nell’organizzazione di un evento qual è il momento più importante?
In realtà nell’organizzazione di un evento tutti i momenti sono importanti, perché è proprio l’insieme degli stessi che consente la riuscita dell’evento e alla base di tutto ritengo essere
fondamentale una attenta pianificazione.
Com’è stato il tuo esordio e quali sono state le maggiori difficoltà iniziali?
Il mio primo matrimonio come tutte le prime volte, è stato indimenticabile: sposa bellissima in abito in pizzo scelto insieme di un rinomato atelier. La chiesa estremamente bucolica con
composizioni floreali dalle delicate tonalità del rosa. Il ricevimento si tenne in una location a picco sul mare in Costiera Amalfitana. Il migliore degli esordi.
È possibile realizzare un matrimonio indimenticabile con un budget medio-piccolo? In che modo il wedding planner può aiutare i futuri sposi?
Una Wedding Planner non deve avere solo fornitori in grado di realizzare esclusivamente eventi di lusso, di norma i fornitori devono avere più tipologie di prezzo, per poter soddisfare varie
richieste, dipende poi dal budget. Esistono varie soluzioni, la presenza di un organizzatore di eventi serve anche a risparmiare è il caso di sfatare la convinzione che servirsi di una wedding implichi grandi spese.
Storia di una “Wedding”
Sposarsi Wedding, Fashion, Lifestyle
187
Wedding, Fashion, Lifestyle Sposarsi
188
Come scegli i fornitori? Quali caratteristiche devono avere prima di tutto?
La scelta dei fornitori è quella che ti garantisce la riuscita di un evento. I miei fornitori devono avere in primis professionalità e serietà nella consegna e la preparazione, la prontezza nella risoluzione di problemi che si possono presentare durante l’organizzazione di un evento, e poi fondamentale è lasintonia, lo stile e soprattutto la capacità di interpretare
le mie idee e realizzarle secondo le mie direttive.
Qual è la tendenza del momento?
Come ogni anno Pantone ci presenta quelli che sono i colori di tendenza e quest’anno è il Living Coral, questo colore si sposa benissimo con il Verde, l’oro o anche l’azzurro intenso delle Agate
Blu e ovunque fiori fiori fiori.
Passiamo all’abito della sposa: qual è il colore più gettonato in questa stagione?
La scelta dell’abito è sempre molto soggettiva. Ho accompagnato spose con idee chiarissime ma che alla fine hanno acquistato quello che mai avrebbero immaginato. Il colore che la fa da padrone è il bianco panna, ma quest’anno ha fatto la sua comparsa una sovrapposizione di tessuti, su una base rosa nude di impalpabile pizzo o leggerissima organza e scollature sempre profonde.
Puoi raccontare ai nostri lettori quali servizi offri ad una coppia che ha deciso di sposarsi?
Gli sposi che si affidano ad un organizzatrice di eventi, affidano uno dei giorni più importanti della loro vita. I servizi sono molteplici, sia di ordine burocratico che organizzativo. Si pianifica e
coordina un percorso che solitamente inizia un anno prima e si conclude con il coronamento di un sogno.
Quali caratteristiche e doti deve avere un’aspirante wedding planner per avere successo in questo settore?
Il Wedding Planner deve essere preparato e competente, per quello che concerne non solo l’organizzazione, ma anche la pianificazione. In quel giorno tutto deve quadrare come nella
gestione di una grande azienda. Inoltre è fondamentale una grande dose di buon gusto, continui aggiornamenti sugli stili e le tendenze per essere sempre un passo avanti agli altri e cosi sorprendere gli sposi che si rivolgono a lei.
A quali progetti stai lavorando?
Un importante matrimonio di una splendida coppia che vive sul lago di Como ed ha scelto il meraviglioso nostro mare per realizzare il loro sogno. Villa Aragonese al Monte di Procida farà da scenario e i dettagli luxury, renderanno indimenticabile questo evento. Inoltre sto organizzando il mio primo corso di formazione alla professione, con una Master Class di Angelo Garini, e la professionalità che mi contraddistigue.

Redazionale,

Cerimonie romantiche per un sì da favola

Nella splendida cornice del paesaggio collinare campano e dei monti dell’Irpinia sorge la meravigliosa Villa Cornelia. La struttura, situata in via Mirra Piano Colonna, a Calvi, è un’antica masseria ristrutturata risalente alla seconda metà dell’800, con ampio giardino e parcheggio, che ospita eventi, cerimonie e meeting in un’atmosfera accogliente, ricercata e signorile, con una capienza di circa 300 persone.

Villa Cornelia nasce oltre 10 anni fa, grazie al savoir-faire e alla profonda conoscenza nel campo dei ricevimenti di alto livello della signora Cornelia, da cui la dimora prende il nome.

Oggi, la stessa, coordina insieme al figlio Ettore e alla moglie Fabiana tutte le attività della struttura seguendo e supportando i clienti durante tutta la durata dell’evento.

Grazie all’esperienza decennale maturata, Villa Cornelia propone un matrimonio da favola garantito dall’esperienza e dalla professionalità di uno staff in grado di fornire i migliori consigli e spunti su tutta la fase organizzativa del ricevimento.

Ogni spazio della struttura, dall’interno al suggestivo giardino esterno, è in linea con l’ambientazione   che i clienti vogliono ricreare: dagli allestimenti agli spazi agli addobbi floreali, fino al tableau mariage, ogni dettaglio è studiato con cura e dedizione per garantire un risultato eccellente.

La struttura si avvale di supporto del supporto di una wedding planner, capace di esaudire i desideri degli sposi in modo che niente si è lasciato al caso. Villa Cornelia propone per i suoi clienti sia in spazi interni che il giardino. L’interno, nello specifico si distingue per gli arredi molto eleganti.

Tutti i mobili, Infatti sono antichi, così da rendere ancora più speciale l’ambientazione. Ogni dettaglio della sala è studiato per garantire il massimo dell’accoglienza ai suoi ospiti, con una visuale verso il giardino che, anche nel periodo più freddo, colpisce per i colori e le forme. A rendere speciale Villa Cornelia è sicuramente il rigoglioso giardino che, in tutte le stagioni incanta però sua infinita bellezza. All’interno di esso è possibile celebrare anche i matrimoni civili. Numerosi gazebo, splendidi fiori, rivestimenti bianchi e comodi divani accolgono gli ospiti in un’atmosfera intima e raffinata: un momento speciale per incontrarsi, parlare e vivere tutti insieme l’importante traguardo raggiunto della coppia.

Villa Cornelia è perfetta per tutti coloro che vogliono un ricevimento intimo, raccolto e a stretto contatto con la natura. Gli allestimenti in stile boho chic e country chic, la tendenza più scelta dagli sposi in questi ultimi anni trovano in questo luogo il set ideale per un giorno indimenticabile. Il giardino, Inoltre, si presta come sfondo perfetto per scatti indimenticabili, per un’eleganza senza tempo.

L’obiettivo della signora Cornelia, di Ettore e Fabiana è quello di proporre ai propri clienti il meglio. A tal proposito offrono la totale esclusiva della villa nella giornata del matrimonio e un servizio di cucine interne, grazie a tre società tra le migliori del settore (una vanta anche una prestigiosa stella Michelin).

Redazionale,

Le dolcezze di Lulù: una dolce storia da raccontare

  • Che cos’è il Cake Design e cosa rappresenta per te?

Il Cake Design è una tecnica di decorazione in pasta di zucchero di torte nata negli Stai Uniti ma negli ultimi anni si è sviluppata un po’ in tutti i Paesi, Italia compresa. E’ una tecnica di decoro che necessita di pazienza e precisione per la creazione di soggetti da posizionare sulle torte.

Per me il Cake Design rappresenta sicuramente il punto di partenza della mia attività, è anche un modo per mettersi in gioco ma soprattutto ti permette, lavorando con la fantasia, di accontentare grandi e piccini.

 

  • Qual è la differenza tra un cake designer e un pasticciere?

Sostanzialmente la differenza maggiore tra un cake designer e un pasticciere è che mentre il primo crea soggetti che andranno ad abbellire la torta, il secondo, invece, si dedica interamente alla produzione di dolci destinati al consumo.

 

  • Come nasce la tua passione per il Cake Design?

La passione per il mondo dei dolci, in realtà, l’ho sempre avuta fin da piccola anche se ho fatto tutto un altro percorso di studi laureandomi in legge però il mio pensiero era sempre rivolto al mondo della pasticceria. Negli ultimi anni, poi, da quando anche in Italia il Cake Design ha iniziato a farsi conoscere ho iniziato a documentarmi attraverso riviste, internet, tutorial ed ho iniziato a creare le mie prime torte in pasta di zucchero per le mie figlie. Poi andando avanti mi sono resa conto che il tempo che trascorrevo vicino una creazione non mi pesava affatto e di qui la scelta di aprirmi un’attività tutta mia dove poter liberare tutta la mia fantasia.

 

  • E’ una disciplina complessa, hai frequentato corsi o sei autodidatta?

In linea di massima non sono stati molti i corsi che ho frequentato, quindi, sostanzialmente sono autodidatta, prendo spunto comunque da internet, riviste, tutorial anche se questa disciplina si perfeziona con il lavoro e la manualità continui.

 

  • Il Cake Design nell’ultimo periodo ha avuto un boom in Italia, Pensi che l’estetica abbia preso il sopravvento sul gusto?

Personalmente penso che al di là dell’estetica il gusto sia fondamentale in una torta, perché se è vero che l’occhio vuole la sua parte anche il gusto non è da meno. Noi siamo abituati alle torte italiane fatte in un certo modo, quindi, io cerco di contemperare entrambe le esigenze, soddisfando sia l’estetica che il gusto.

 

  • Per creare una torta di design si parte da un’idea, concretamente come la tua idea diventa una torta?

Nella creazione di torte solitamente sono i clienti che mi mostrano foto di ciò che vorrebbero che realizzassi, anche se spesso però bisogna adattare le creazioni alle torte. Nella realizzazione di una torta sono molteplici i fattori da tener presente e non c’è un’idea fissa che concretamente diviene torta ma è solo lavorando che si adatta la creazione alla torta. Ogni torta necessità di un lavoro specifico.

 

 

  • Che tipo di torte realizzi in genere?

In genere si realizzano torte per tutti i gusti, dalle classiche e semplici torte di tradizione alle wedding cake, torte per comunioni, battesimi, compleanni, naked cake, ossia la torta nuda, drip cake. Il nostro obiettivo è cercare di accontentare il cliente sempre e comunque.

 

  • C’è un tipo di torta che preferisci creare?

Non c’è una torta specifica che preferisco creare; ogni torta è una cosa a sé e c’è un qualcosa di diverso in ogni torta.

 

  • Hai una torta del cuore?

Tutte le torte che escono dalla pasticceria, chi per un verso chi per un altro, sono torte del cuore perché ognuna mi lascia qualcosa.

 

  • Quali sono le tendenze del momento per le torte nunziali?

Attualmente anche se le wedding cake in pasta di zucchero sono ancora richieste, stanno iniziando ad emergere anche le cosiddette naked cake, ossia le torte nude che consistono in torte in cui è visibile il pan di spagna e la crema, velate solo da un po’ di panna e decorate con fiori di vario genere.

 

  • Come capisci che torta hanno in mente gli sposi che si rivolgono a te?

Solitamente quando gli sposi mi ordinano una torta hanno le idee molto chiare, vengono muniti di foto prese dal web. C’è alla base comunque uno scambio di idee e gli sposi si fanno anche consigliare, non sempre quello che vogliono si presta ad essere realizzato, quindi il più delle volte c’è da apportare qualche modifica.

Redazionale,

Mobili Fiore: il modo di arredare che valorizza le scelte di ogni coppia

Arredare la propria casa significa creare un luogo di pace, serenità e per due giovani sposi è anche il naturale coronamento del loro sogno d’amore.

Certamente non è un percorso tutto rose e fiori, indubbiamente tante sono le perplessità e le necessità da tenere in considerazione, dal budget ai gusti della coppia, fino ai problemi più puramente tecnici come la divisione degli spazi e degli ambienti. Ogni ambiente deve essere suddiviso da un raffinato insieme di volumi degli elementi che seguono linee semplici e ricercate per coniugare le esigenze estetiche con le diverse tecnologie.

Mobili Fiore con la possibilità di realizzare progettazioni personalizzate aiuta gli sposi a chiarire le idee riguardo l’arredamento, l’abbinamento dei colori,   la disposizione dei complementi d’arredo, per creare quel nido d’amore tante volte immaginato. Idee, suggerimenti e consigli che grazie alla vasta offerta di marchi prestigiosi, possono trovare presto una concretizzazione per creare quel clima gioioso, caldo ed accogliente che caratterizza le case arredate da Mobili Fiore.

La casa rappresenta l’immagine di sé, quando si è nella propria casa, ci si può rilassare lasciando finalmente la vita frenetica quotidiana fuori dalla porta, che sia un monolocale o una villa con giardino le soluzione per arredare gli ambienti sono infinite. Grazie a Mobili Fiore e ai grandi nomi di ditte tutte italiane come  Berloni, Aran, Arredo 3, Bontempi, Le Fablier, Noctis, Alpa Salotti, ogni esigenza tecnica e stilistica può essere facilmente soddisfatta.

Mobili Fiore inoltre garantisce sempre i servizi di trasporto e montaggio gratuiti e un servizio post vendita affidabile e concreto senza dimenticare la qualità, la praticità e i prezzi vantaggiosi.

Idee  e soluzioni innovative per arredare ogni ambiente in maniera pratica e funzionale senza tralasciare lo stile del design moderno e ricercato.

Mobili Fiore uno show room in continuo rinnovamento per proporre prodotti, servizi e prezzi sempre più vantaggiosi.

Redazionale,

Come creare un evento memorabile

Ciotola Banqueting cura i dettagli di ogni evento.

Ricercatezza professionalità cura dei dettagli,queste le parole d’ordine alla base dell’attivita di Ciotola Banqueting che saprà accontentare i clienti piu esigenti,nell’organizzazione di ogni genere di evento privato ed aziendale. Buongusto e creatività, accompagnati da una costante ricerca, fanno di Ciotola un riferimento per la creazione di eventi memorabili.

A rendere possibile tutto ciò troviamo un team di professionisti capitanato da Rosy Ciotola guidata ed affiancata dalla signora Luigia Blasi ideatrice e fondatrice dell’azienda che con estro, passione e dedizione ha investito nel settore banqueting e allestimenti fin dal 1980, divenendo un riferimento nel campo dell’alta pasticceria e dell’organizzazione di eventi.

Uno staff di esperti saprà accompagnare e indirizzare ogni cliente nelle sue scelte. Nulla verrà lasciato al caso: la location, il design, il menù, gli allestimenti floreali la mise en place i cadeaux.
Sapienti Chef renderanno indimenticabile ogni occasione trasformando l’ottima materia prima in piatti preparati con estro e grandissima attenzione.
La selezione delle materie prime e la cura nella presentazione,permetteranno di offrire agli ospiti pietanze prelibate ed esteticamente curate.
Novelle cuisine, piatti tipici, braceria, finger food ed angoli suggestivi destinati alle eccellenze del territorio, sono solo alcune delle possibili soluzioni offerte, resta da decidere quale opzione sia la più adatta.
Punto di partenza della famiglia Ciotola,è la produzione dolciaria artigianale, wedding cakes, biscotteria,praline e drugees, che lasceranno gli ospiti a bocca aperta, componendo all’occorrenza sweet tables incantevoli e ricchi di creazioni golose, originali e raffinate.
Dall’impegno di Rosy Ciotola nascono due punti vendita “Ciotola Eventi e Creazioni” presso il Carro Shopping Village a Mirabella Eclano ed in via Mancini ad Avellino.
Due showroom dove poter scegliere bomboniere, confetteria, idee regalo, in una vasta offerta di brand esclusivi.
Affidarsi a Ciotola vuol dire scegliere di organizzare ogni evento con serenità sapendo di essersi affidati ad esperti in grado di offrire soluzioni a 360 gradi, liberi di godersi ogni attimo della propria festa, con la certezza di un risultato che andrà oltre le aspettative.

Redazionale,

Lorelei, la Wedding che guarda all’Oriente

Chi sono

Sono Diana, organizzatrice di eventi, insegnante promotrice della lingua cinese,
mamma, moglie, creativa, instancabile sognatrice. Lorelei è un nome scelto per
gioco, apprezzato per la delicatezza del suono, che celebra il legame
indissolubile che ho con la musica (Lorelei è una canzone dei Cocteau Twins
che ascoltavo spesso da adolescente), e che mi si è cucito addosso come una
seconda pelle. E’ il mio alter ego, la parte più creativa e giocosa di me.

La mia storia
La mia passione per l’organizzazione di eventi parte da molto lontano e nasce
dalla creatività che ha sempre contraddistinto le donne della mia famiglia. Da
sempre mi sono interessata al riciclo di materiali vari, alla creazione di oggetti,
gioielli, confezioni e decorazioni originali e a basso costo, accumulando e
collezionando praticamente qualsiasi cosa. Era consuetudine per me realizzare
biglietti fatti a mano per i compleanni delle mie amiche, creare centrotavola e
decorazioni per le feste, realizzare candele e quadri di cera, gioielli in metallo e
tessuto, fissando il mio laboratorio e deposito ovunque andassi. Una passione
che non si è mai interrotta, neanche durante il periodo universitario che mi ha
portata a conseguire la laurea in lingua cinese nel 2011. Il futuro però non
sembrava avere certezze per me e la ricerca affannata di un lavoro che seguisse
i miei studi mi portava periodicamente a situazioni di profonda frustrazione.
Organizzare feste ed eventi invece era la mia valvola di sfogo, l’unica che mi
rendesse davvero felice, e non appena ne ho avuto l’occasione mi sono iscritta
ad un corso come wedding planner che mi ha spalancato gli occhi su nuove
prospettive. Da quel momento in poi è iniziata la mia avventura come Lorelei,
inizialmente con la realizzazione di bomboniere handmade, torte di pannolini,
baby shower, feste di compleanno, per poi diventare sempre più assidua ed
impegnativa.
Approfittando della mia conoscenza della lingua e cultura cinese avevo captato
i vantaggi di fonderla con il mondo del Wedding, cercando una strada che
potesse unire professionalmente queste mie due grandi passioni. Informandomi
e studiando assiduamente mi sono imbattuta nel fenomeno del Destination
Wedding, scoprendo che il percorso con la Cina era già stato intrapreso da altre
wedding planner italiane prima e che sarebbe stato lo stesso anche per me.
L’obiettivo si è palesato ancor più chiaramente davanti ai miei occhi in seguito
alla mia partecipazione al corso di Marketing del turismo integrato, con cui ho
avuto il piacere di fare la conoscenza con le meraviglie di un’Irpinia per me
sconosciuta e sottovalutata. Il turismo matrimoniale rappresenta concretamente
il futuro e il mio contributo come wedding è questo: promuovere in primis
l’Irpinia e le sue bellezze a coppie di sposi stranieri, in particolar modo ad
un’utenza di provenienza cinese creando una rete di collaborazioni sul territorio
di tipo culturale, artistico, enogastronomico, turistico. Un progetto davvero
ambizioso che sarà realizzato grazie ad uno stretto legame con le migliori
location, strutture e attori presenti sul territorio e che metteranno a disposizione
del mondo le loro ricchezze e il loro lavoro.

L’Agenzia Lorelei Eventi
“Chi guarda tutte le nuvole non parte mai” è il mio mantra e la mia forza che mi
ha permesso di compiere quel passo decisivo che mi faceva sentire sempre a
metà.
“Non si può star sempre li ad aspettare che le nuvole se ne vadano del tutto.
Un bel viaggio lo si può intraprendere anche nelle giornate più grigie.
E poi mai nulla di splendido è stato realizzato se non da chi ha osato crederci”
Queste le parole che mi sono ripetuta tante e tante volte.
E’ così che nel gennaio 2018 è nata ufficialmente la mia “Lorelei Eventi”.
L’agenzia vuole essere un punto di riferimento per coloro che hanno bisogno di
supporto, consigli, organizzazione pratica e non solo, coordinamento nella
celebrazione dei momenti più importanti della propria vita. Con noi i nostri
sposi e clienti si sentono accolti, coccolati, rassicurati, con la certezza di aver
affidato la realizzazione completa di un proprio desiderio in mani sicure.
Tutto parte appunto dal racconto di un desiderio, una storia d’amore,
un’immagine a cui si è affezionati e che prende vita man mano che si rafforza il
legame con chi si affida a noi.
Di ogni evento ci occupiamo praticamente e logisticamente di tutti gli aspetti,
dalle partecipazioni alle bomboniere, dagli allestimenti alla confettata,
dall’intrattenimento artistico al viaggio di nozze, avvalendoci di una rosa di
collaboratori che ci garantiscono affidabilità e qualità, al prezzo migliore.
Inoltre miriamo a rendere ogni evento diverso dall’altro, esaltandone l’identità e
seguendo un fil rouge dall’inizio alla fine, elementi distintivi che tracciano la
differenza da una coppia all’altra.
L’amore e la passione per questo lavoro traspaiono nella cura dei dettagli che
assicuriamo ad ogni aspetto dell’evento, sia che si tratti di un matrimonio, un
party o la realizzazione di una bomboniera. Perché penso non esistano Grandi o
Piccoli eventi, Più o Meno importanti, ma solo momenti UNICI.

Redazionale,

L’abito giusto per ogni stile

La Venere di Berenice da anni è l’atelier che accompagna generazioni di spose nel giorno del loro matrimonio.
Tradizione, cortesia, affidabilità e disponibilità sono alla base di un’attività nata da un’intuizione di Tina fondatrice del brand e madre di Antonio e Francesco che con grande passione e professionalità portano avanti l’azienda di famiglia.

Lazienda nasce nei primi anni ottanta a Napoli, dove da subito si fa spazio affermandosi come riferimento per le spose che, non solo trovano una vastissima scelta, ma si sentono a loro agio e soprattutto ben consigliate.

Dopo un periodo di collaborazione con altri brand, Antonio e Francesco decidono di riappropriarsi e riportare in auge lo storico marchio di famiglia, La Venere di Berenice già molto conosciuto ed apprezzato nel capoluogo Partenopeo e di estendere la sua visibilità in irpinia,dove apriranno lo schowroom di Avellino in via Nazionale.

Ad accoglierci e raccontarci la storia dell’atelier troviamo Francesca Fiore, responsabile dello schowroom di Avellino e perfetta padrona di casa.

Francesca ci racconta l’amore e limpegno dei titolari, la continua ricerca, la passione per il proprio lavoro e la correttezza nei confronti dei collaboratori.
Al primo posto per l’azieda c’è la soddisfazione della cliente, l’impegno nel realizzare il suo sogno, perchè di sogni si parla quando c’è in gioco la scelta di un abito da sposa.

Per raggiungere tale obbiettivo, occorre competenza e professionalità ed è su questi elementi che si fonda il successo della Venere di Berenice, ma anche il saper consigliare con obbiettività, nell’interesse esclusivo della sposa.
La cliente,ci dice Francesca,va indirizzata verso l’acquisto giusto.
La scelta dell’abito nuziale, è un momento emotivamente impegnativo, esistono degli elementi su cui è necessario basarsi: ciò che desidera la sposa naturalmente, la sua fisicità, la personalità ed in fine il budget, che solo per ultimo viene menzionato, perchè la Venere di Berenice offre varie soluzioni per andare incontro alle sue clienti.
Una sposa felice, dice francesca è la nostra migliore pubblicità.

Redazionale,

Cercando la felicità

Pasquale Di Maio Infinity Studio, un giovane fotografo dalla lunga esperienza.

La sua passione per la fotografia nasce tra i banchi di scuola un po per caso, quando in occasione di un concorso fotografico, viene notato e spinto ad approfondire quella passione per trasformarla un giorno in qualcos’altro.

Da allora sono trascorsi 20 anni e quell’adolescente irrequieto e curioso, è diventato un professionista ricercato ed affermato. Si forma in ambito artistico per poi approdare al reportage della cerimonia, conservando quel senso d’arte che caratterizza la sua foto.

Ci siamo incontrati nel suo  showroom, un luogo che dice molto del fotografo e dell’uomo. Curioso, irrequieto, alla continua ricerca di nuovi stimoli, dissacrante ed esteta.

Entrando non si può non notare la passione per il suo lavoro ed in particolare l’aspetto artistico della sua foto. Ogni scatto parla di un luogo, di un istante, un’ emozione.

Le coppie ritratte giocano, si divertono davanti  l’obbiettivo, sono perfettamente a loro agio. Gli scenari sono inconsueti, originali simili a quelli utilizzati per gli shooting fotografici, una perfetta fusione tra moda e  matrimonio. Auto vintage, vecchi casolari, praterie, onde in cui gli sposi s’immergono, sono alcuni dei set utilizzati nelle anteprime. Un artista per cui conta non tanto il mezzo di comunicazione utilizzato quanto la visione espressa, una vera rivelazione.

Noi di SposarSi abbiamo deciso di intervistarlo e di condividere con i nostri lettori l’esperienza di un uomo coraggioso ed ambizioso con un grande talento. Siamo convinti che di questo irrequieto, appassionato ed esteta fotografo. sentiremo parlare a lungo.

 

Quando hai capito che questo sarebbe diventato il tuo lavoro?

Non da subito, quando ho cominciato ero solo, accompagnavo fotografi professionisti e osservavo il loro lavoro guadagnando qualcosina, poi con l’arrivo del digitale e la conoscenza delle nuove tecnologie, sono cresciuto ma sentivo di non essere soddisfatto, così ho deciso di studiare e frequentare workshop approcciandomi sempre più alla foto artistica.

Questo mi ha in parte penalizzato, perche’ ricercavo fortemente l’elemento artistico in tutti i miei scatti, scontrandomi con il mondo del matrimonio non ancora pronto al mio approccio.

Oggi posso dire d’aver trovato un equilibrio tra l’arte e la forma, ho una visione molto personale della foto e  dopo averla tanto inseguita ho trovato la mia foto ideale.

 

Qual’è la tua foto ideale?

Non l’ho ancora scattata!

Cercando la felicità immortalo l’attesa. l’intuizione…

quell’istante prima che accada l’evento,

c’è più emozione nell’attesa di un bacio che nel bacio stesso,

“La foto ideale è quella di un attimo prima”.

 

Qual’è la cosa che trovi più difficile fotografando e quella che invece ti gratifica di più?

-E’ molto difficile che una persona comune, non abituata ai riflettori si lasci andare, far sì che si fidi di te e che ti lasci entrare nella sua sfera personale.

Il fotografo entra nell’anima dei suoi soggetti, ne percepisce le sensazioni e le mette a fuoco.

Se questo non accade, il lavoro non riesce.

La più grande gratificazione, è la soddisfazione del mio cliente, il vedere nei suoi occhi la felicità, l’approvazione per il lavoro svolto e tutto questo è possibile grazie al rapporto che si crea durante gli scatti.

 

Quanto incide il rapporto che instauri con il cliente?

Il rapporto fotografo cliente nasce al primo incontro.

Il matrimonio comincia quando il cliente varca la soglia del mio showroom e non il giorno dell’evento.

Io cerco di comunicare le emozioni, la gioia, forse perché tutti siamo alla continua ricerca della felicità, sentiamo il bisogno di qualcosa senza comprendere cosa, inseguiamo una Kimera e ci affanniamo.

Attraverso la gioia dei miei clienti, assorbo quell’iniezione di amore che trasferisco nel mio lavoro.

Il fotografo dovrebbe carpire e tirare fuori il meglio che c’è nelle coppie, aiutare loro a scoprirsi e a riscoprire le emozioni che li hanno portati alla scelta del matrimonio.

Osservare la luce negli occhi di una coppia innamorata, mi da grande energia.

Ci sono persone che faticano a lasciarsi leggere, addirittura alcuni popoli come ad esempio gli asiatici per cultura non possono far trapelare alcuna emozione, tanto da rendere i propri volti nelle foto privi di espressione.

 

Hai avuto modo di fotografare matrimoni tra stranieri con riti e tradizioni differenti?

Si ho avuto la fortuna di avere esperienze oltre oceano.

Il mio periodo statunitense mi ha avvicinato a culture differenti tradizioni molto lontane dalle nostre.

Questo mi ha consentito di sperimentare un approccio nuovo ed inconsueto alla foto del matrimonio, contesti differenti dove si valorizzano le sensazioni con scatti in realtime, in cui si da molta importanza all’espressività, gli scenari sono spesso informali, c’è spontaneità ed ironia, elementi che ho fatto miei e che caratterizzano le mie foto.

 

Quanto contano i viaggi nella professione del fotografo?

Moltissimo, l’esperienza del viaggio si trasferisce nelle foto, quando viaggio fotografo per diletto con una piccola macchina, zaino in spalla, chiedendo dei passaggi.

Non conta la meta ma il viaggio.

Durante i miei viaggi stacco da tutto e tutti e mi godo quello che incontro.

I migliori attimi sono quelli senza foto, altrimenti gli sposi non chiamerebbero noi!

 

Cosa porti a casa dai tuoi viaggi?

-Realizzo degli scatti per me, che custodisco gelosamente.

 

Qual’è il luogo dove ti ritrovi di più?

-Ho pianto nel Sud della Patagonia un luogo magico, Estancia Cristina nel cuore del Parco Nazionale Los Glaciers a El Calafate, per raggiungerlo ho impiegato tre ore di aereo, 4 ore di navigazione, 1 ora di Jeep e 40 minuti a piedi.

Quando sono arrivato li su dove un ghiacciaio ha lasciato posto ad un cratere che si è trasformato in un lago, ho pensato che se esiste un Dio è li che abita!

 

Chi ti ha ispirato nel tuo lavoro?

La mia fotografia si ispira al Grande Sante D’Orazio, di lui amo il suo processo creativo, il non creare un’immagine ma trovarla, la capacità di immortalare l’imprevisto, il fuori programma, la sua personalità il suo stile.

Il suo è un approccio orientale “non sei tu l’artefice, è l’immagine che ti trova”

Le mie Muse sono le donne che ho amato.

 

Quanto c’è delle tue esperienze nelle tue foto?

Tanto…tutto!

Ci sono i miei viaggi, i libri che ho letto, i film che mi hanno emozionato che ho visto e ovviamente gli amori che ho vissuto.

Come tutti cerco l’amore e ne ho bisogno.

Ho avuto la fortuna e la gioia di amare due grandi donne nella mia vita, sebbene  le abbia perse entrambe. La prima mi ha trasmesso rigore, dato regole, mi ha formato come uomo e professionista, la seconda invece mi ha donato l’arte, la visione dell’amore funesto e passionale fatto di alti e bassi, luci e ombre, affinché io sviluppassi la mia creatività. Ancora oggi continua ad ispirarmi a regalarmi visioni sebbene non potremmo mai viverle.

Redazionale,

I Santi, la ristorazione firmata

“Una ricetta non ha anima. E’ il cuoco che deve infondere anima nella ricetta” lo sa bene lo chef migliore degli stati uniti Thomas Keller e lo sanno bene anche i fratelli Emilio e Federico Grieco dell’osteria I Santi che da ben quattro generazioni si occupano di cucina.

La massima ricerca dell’eccellenza gastronomica, l’attenzione alla qualità, all’armonia dei sapori, la capacità di saper creare attraverso abbinamenti insoliti esplosioni di gusto ma anche il rispetto delle tradizioni dei piatti tipici, hanno fatto  del nome I Santi una garanzia di qualità. Dall’Osteria,  grazie al successo ottenuto e all’intuito degli imprenditori, si sono sviluppati altri progetti.

I Santi Caffè  per soddisfare la clientela più smart per aperitivi gustosi o pause caffè gustando i profumati, fragranti e golosi dolci realizzati dai pasticcieri.

I Santi Braceria  che deve il suo successo alla scelta di pregiati tagli di carne, selezionati con cura e cotti alla brace.

Dall’Osteria I Santi è nato anche un servizio Catering e Banqueting: sempre più spesso i clienti del suggestivo locale nel borgo medievale di Mercogliano volevano riportare nei loro eventi privati il gusto e l’attenzione ai dettagli che avevano ritrovato nell’Osteria.

I Santi Catering e Banqueting si occupa infatti dell’organizzazione di ogni tipo di evento. Dai banchetti, ai rinfreschi per matrimoni o altri tipi di cerimonie e festeggiamenti, dall’ buffet informale per un pranzo tra parenti, alla cena di gala: tutte le proposte menù vengono studiate su misura e in armonia con ogni gusto e stile.

Chi sceglie di affidarsi all’esperienza de I Santi Catering e Banqueting non sceglie solo di offrire ai propri ospiti piatti di qualità, ma potrà essere affiancato in ogni passo dell’organizzazione dell’evento da esperti del settore.

Partendo dalla ricerca della location, agli allestimenti, agli intrattenimenti musicali, I Santi Catering e Banqueting mettono a disposizione dei loro clienti uno staff direttivo in grado di pianificare ogni aspetto dell’evento.

I Santi Catering e Banqueting renderanno il tuo matrimonio, o la tua festa, originale ed elegante e sapranno suggerirti le scelte migliori per creare un evento che resterà impresso nella mente dei tuoi ospiti per la qualità e per l’attenzione ai dettagli. Inoltre basterà affidarsi all’esperienza e professionalità dello staff per definire il menù, i  singoli piatti , i tavoli del buffet, decidendo le giuste quantità e effettuando prove ed assaggi dei piatti proposti.

Nella cucina de I Santi vengono esaltati ed anche rivisitati i piatti della tradizione a, realizzati attingendo al grande patrimonio di eccellenze  gastronomiche  che l’Irpinia rappresenta.

In un susseguirsi di sapori dettati prevalentemente dalla stagionalità dei prodotti e declinati in infinite varianti grazie alla fantasia e sapienza dello chef Federico Grieco.

Non solo allestimenti classici I Santi Catering e Banqueting realizzano l’allestimento   di angoli a tema utilizzando anche tante idee creative: furgoncini dello street food per stupire i propri ospiti con un aperitivo fuori dalla chiesa,  il classico Apecar adibito a  bar e gelateria per un brindisi in una location inusuale,  sweet table originali, confettate romantiche ,a al tempo stesso originali: I Santi Catering e Banqueting sapranno accontentare anche i clienti più esigenti con proposte su misura e di qualità.

Instagram has returned invalid data.